domenica 25 dicembre 2011

NATALE 2011

E così, piano piano, un giorno dopo l'altro (come direbbe Luigi Tenco), siamo arrivati al Natale 2011.
Una vigilia grigia si è aperta poi a un 25 Dicembre soleggiato. 
Dopo la messa di mezzanotte in centro, nella chiesa di San Francesco, con un'intensa partecipazione al coro diretto, e accompagnato dall'organo del mitico maestro Alessio Randon, la giornata natalizia ha proseguito tra cucina, auguri, regali, chiacchiere di qualche buonanima che è venuta a trovarci...
L'anno scorso c'erano tutti e tre i figli. Nicola era in procinto di partire per la Nuova Zelanda. Quest'anno solo Michela si è "sacrificata" a trascorrere il Natale con i genitori. Nicola adesso è in Cambogia, Matteo dovrebbe essere arrivato in Costarica...
Io, invece, vorrei essere a Parigi!!!...
Chissà se un giorno ci sarà un fuoco d'artificio nella mia vita...
Avrei bisogno di spazi aperti, senza limiti... Odio i confini, i muri che ti bloccano.
Vorrei volare in alto fino a perdere il fiato...
Ho bisogno di cambiamenti.
Fuori la notte è stellata, e io vorrei essere il più vicino possibile alle stelle!!
Ma sono qui, chiusa nel silenzio della casa, con il crepitio del fuoco nel camino e il lieve russare del cane...
Aspetterò che passi anche questa notte...




venerdì 23 dicembre 2011

The Australasian: Grassie Gesù bambino

The Australasian: Grassie Gesù bambino: Par na volta a vojo essare bon , e par Nadae go deciso de farve un regaeo . Imaginè de ver vinto en viajo premio , en tichet par uno de que...

mercoledì 7 dicembre 2011

The Australasian: Eniuei (onli for padovan spikers)

The Australasian: Eniuei (onli for padovan spikers): A ve dirò un segreto . Paso così tanto tempo da soeo , che go scominsià a parlare tra mi e mi in diaeto , che così me a paso via e me pare ...

sabato 19 novembre 2011

AMORE BUTTATO VIA

Quanto amore buttato via vedo intorno a me... Io che ho cercato l' Amore nella mia vita più di ogni cosa, e che mi sono accontentata di briciole, vedo tanto amore rifiutato, buttato via... Proprio quell'amore sincero, pieno di emozioni, di intensità, quello che sembra durare per sempre.
Una carica di amore dispersa, lasciata andare... Quell'amore che fa palpitare, che dà senso alla vita...
Qualcuno dice che l'amore inizia e finisce, che è normale sia così...
Per me no, credo che l'amore vero duri per sempre.
Ma bisogna essere in due ad amare...

Buona fortuna - Baglioni

venerdì 11 novembre 2011

IN ATTESA DELL' ALBA

"Per arrivare all'alba non c'è altra via che la notte"
(Kahlil Gibran)

E se la notte durasse per sempre??...
La vita dell'uomo non sempre segue i cicli della Natura. A volte la vita di un uomo si chiude nella notte e non arriva mai all'alba. Intendo malattie che imprigionano la vita, situazioni difficili che non hanno sbocchi...
A volte la morte, il buio infinito, sembra la soluzione migliore.
A meno che, per chi crede in Dio, per quanto buia possa essere la vita, ci sia comunque la luce divina alla fine del buio, o di qua o nell'aldilà...
Forse il segreto per scoprire piccole luci anche nel buio più fitto sta nel saper godere delle piccole/grandi cose che ci stanno attorno: i colori degli alberi autunnali, il chiaro di luna che illumina la notte, il canto insistente degli uccelli nascosti tra i rami di un albero, il cielo gonfio di nuvole... Un sorriso, un atto di gentilezza da uno sconosciuto, le coccole del gatto o i salti di gioia del cane quando torni a casa... Naturalmente nella vita c'è molto di più, ma nel buio, procedendo a piccoli passi, le piccole luci aiutano ad andare avanti...

mercoledì 9 novembre 2011

La Grande Depressione

Essere MADRE...

Venticinque anni fa ero da poco diventata madre per la terza volta... Il sole stava sorgendo al di là dei vetri della stanza di Ospedale, e io mi chiedevo che cosa ne sarebbe stato della nuova vita che era appena venuta alla luce.
Diventare madre è, credo, l'esperienza più intensa della vita di una donna. Dare origine a un essere umano, portarlo dentro di sè e nutrirlo con la propria linfa, e poi consegnarlo al mondo perchè continui a crescere, a vivere...

martedì 8 novembre 2011

DOPO LA PIOGGIA...

Dopo la pioggia assillante degli ultimi giorni, stasera le pesanti nubi si sono finalmente allargate e, tra scorci di sereno, è apparsa la luna. Una bianca luna quasi circolare, all'inizio velata, ma poi sempre più chiara. Accanto alla luna, alla sua sinistra in basso, è comparsa anche una stella.
La bianca luna mi è sembrata un segno di pace tra la Natura e l'Uomo...

mercoledì 26 ottobre 2011

Pioggia

Continua a piovere insistentemente in questi giorni di fine Ottobre 2011. Dopo giornate e giornate di sole, la pioggia, grondante di grigio, sembra un insulto. Sembra di essere stati tuffati in un mondo diverso, umido e malinconico...
Ma dopo la pioggia ci sarà ancora il sole e poi, forse, la nebbia, e ancora il sole, ma anche la neve...
E avanti così, fino alla fine dei giorni, immersi nei cicli naturali di questo mondo...

sabato 10 settembre 2011

The Australasian: Camiguin Island

The Australasian: Camiguin Island: Trovo delizioso svegliarmi la mattina con la voce del mare , i colori dell’ alba che entrano timidi nella stanza fino a riempirla di luce ...

domenica 4 settembre 2011

The Australasian: Banana fritta filippina.

The Australasian: Banana fritta filippina.: Stanotte ha piovuto. Sdraiato sul letto del mio bungalow 2x2 metri mi sono incantato a guardare la pioggia cadere nella semioscurità, e dal...

sabato 27 agosto 2011

Chi mi conosce?...

Scorrono gli anni tra le mani aperte:
  è lontana la bimba dalle lunghe trecce
che giocava a indiani e cow boys,
 ma anche con le bambole, chiusa in camera.
Giornate di luce della mia infanzia,
altre giornate confuse della mia giovinezza:
il primo amore, così  fragile e immenso,
altri amori, giornate buie, faticose
per riuscire a trovare un po' d'amore.
La maternità, i figli, vissuti correndo,
con alcune pause per imparare a conoscerci.
Una vita in salita, con spazi conquistati
un po' alla volta e poi la gioia
di essere giunti in cima alla salita.
Ma poi valanga di periodi difficili,
di vecchiaia, di malattia, e i miei piedi
che volavano per ospedali, per poi fermarsi,
a lungo, accanto a chi soffriva, a chi aveva bisogno di me.
Adesso il tempo sembra immobile,
ha spento emozioni, energia. I miei passi sono più lenti,
i miei occhi si guardano intorno cercando  piccole cose 
che  aiutano a vivere.
Sono chiusa tra piccoli spazi, circondata da mura visibili e invisibili.
Ho bisogno di respirare spazi immensi per ritrovarmi,
avrei bisogno di qualcuno che mi capisse profondamente,
che conoscesse la mia vita davvero, ma credo non ci sia più nessuno
e temo di morire inutilmente, lasciando dietro di me
qualcuno che non ha ancora imparato a conoscermi.

lunedì 22 agosto 2011

The Australasian: I fratelli malesi.

The Australasian: I fratelli malesi.: E’ notte piena. Dalla mia postazione vedo i tetti di Melaka , le guglie della cattedrale che sembrano di cartone . La luna gioca a nascondi...

giovedì 4 agosto 2011

The Australasian: Aspettando il fratellone. A KL.

The Australasian: Aspettando il fratellone. A KL.: "Sono da poco tornato all’ovile dal Ture a Kuala Lumpur . Dopo un certo cazzeggio a KL , ho puntato dritto al nord ovest della Malaysia , ne..."

venerdì 22 luglio 2011

The Australasian: Scoprendo Kuala Lumpur

The Australasian: Scoprendo Kuala Lumpur: "Trovo molto eccitante smontare dal bus e trovarmi catapultato per la prima volta nel mezzo di una grande citta', con i grattacieli che mi s..."

giovedì 21 luglio 2011

The Australasian: Sulla strada a Sumatra.

The Australasian: Sulla strada a Sumatra.: "Ho sempre odiato fare la doccia fredda . Spesso ho rinunciato a fare il bagno in mare a causa della temperatura dell’acqua. Adesso non ricor..."

mercoledì 20 luglio 2011

Ricetta della Felicità

gr. 1000 di comprensione
gr. 2500 di pazienza
gr. 350 di dolcezza
Baci a volontà.
Mescolare a lungo aggiungendo un pizzico di Allegria, a fuoco moderato e per tutta la Vita...

venerdì 15 luglio 2011

PIENO DI LUNA

Sorge tardi
la luna stasera.
Un cerchio perfetto
rigonfio di bianco,
immobile e tranquilla,
appena sopra i tetti,
dietro gli alberi.
L'aria è ferma,
le finestre delle case
spalancate a cercare
una boccata d'aria.
C'è tutta una notte
da percorrere
in attesa dell'alba...

domenica 10 luglio 2011

NICOLA

Dopo una notte afosa, trascorsa in una sala travaglio "spartana", tra le  grida delle partorienti, l'indecisione della ginecologa di turno, che ogni tanto mi visitava per "capire" se il bimbo stava per nascere o no (???), pian piano, in quella stanza infernale, arrivò la luce del giorno. Cambiò il turno dell'equipe medica, creando un vuoto dovuto al cambio delle consegne. A quel punto cominciavo a sentirmi abbastanza disperata. La ginecologa "indecisa", prima di terminare il suo turno, aveva "deciso", nell'incertezza, di provocarmi la "rottura delle acque", dopodichè ero stata abbandonata a me stessa sul bianco lettino vicino a un muro. Ma... i miracoli esistono! Alle 8 del mattino si aprì la porta della stanza e vidi una figura a me familiare... Subito per me è stato come se apparisse un angelo... Era il mio ginecologo di fiducia responsabile del turno del mattino! Lo chiamai quasi timidamente nella mia disperazione: "Professore, professore..."... Sentì la mia voce e mi riconobbe... Da quel momento si occupò di me e tutto cominciò ad andare per il meglio... Mi pilotò con sicurezza alla nascita di Nicola: erano le 11,15 del 10 Luglio 1974!!!
Era mio figlio, io avevo avuto un figlio!!!
Dovevo imparare a essere madre...

mercoledì 29 giugno 2011

The Australasian: La traccia della Libertà a Darwin

The Australasian: La traccia della Libertà a Darwin: "Qui nell’ostello a Darwin ho trovato un pacco di italiani , per la prima volta da quando sono partito. Ho avuto la febbre da qualche giorn..."

venerdì 10 giugno 2011

INFANZIA

"Tradita o tra le dita? Lallazione, ciuccio antitartaro, primo dentino, secondo capello, il seno di poi: habemus pappa!
Così, come quando nevica non è che la terra scompaia ma è solo coperta, anche l'adolescenza o la maturità non fanno sparire l'infanzia ma vi si posano sù, e appena torna il sole riaffiora."

                                                                  
                                                                         Alessandro Bergonzoni
                                                               (da "il Fatto Quotidiano del 10/06/11)

sabato 4 giugno 2011

Giorgia - Gocce di memoria

Dal "CANTICO dei CANTICI"

"Ora parla il mio amore e dice: "Mettimi come un sigillo sul tuo cuore, come un sigillo sul tuo braccio. Perchè l'amore è forte come la morte. La passione è irresistibile come il mondo dei morti. E' una fiamma ardente come il fulmine. Non basterebbe l'acqua degli oceani a spegnere l'amore. Neppure i fiumi lo potrebbero sommergere. Se qualcuno provasse a comprare l'amore con le sue ricchezze, otterrebbe solo il disprezzo".

(Poesia sull'amore di oltre 2000 anni fa... E' un dono grandissimo della Vita, della nostra unica vita, incontrare l'Amore, l'Amore vero. Non capita a tutti. Per questo, a chi lo incontra, auguro di viverlo il più intensamente possibile, perchè nell'Amore sta il senso della Vita...)

giovedì 2 giugno 2011

Vita e morte

"La morte non è l'opposto della vita. La vita non ha opposto. L'opposto della morte è la nascita. La vita è eterna".

Eckart Tolle, Stillness speaks, The News World Library

(Magari non per tutti è così. Magari altri attribuiscono un concetto diverso a "vita eterna". Forse bisogna essere obiettivi. Forse bisogna abituarsi alla meditazione sul senso profondo di ciò che siamo, su cosa è Vita. Tutto sommato non abbiamo molto tempo per farlo...)

martedì 17 maggio 2011

Ho perso molto...

Ho perso molto nella mia vita, ma soprattutto ho perso me stessa. Come se qualcuno avesse rubato i miei talenti, le mie possibilità.
Sono stata una bimba sola, ma felice della propria ricchezza interiore. Sono stata donna, moglie, madre, insegnante... Sono riuscita a dare qualcosa di me ad altri, in parte ho ricevuto.
Avrei potuto dare e ricevere molto di più.
Ad un certo punto la malattia di chi ti sta accanto comincia a stringere intorno a te paletti sempre più ravvicinati. All'inizio riesci a reagire, ma quanto rimani così sola da perdere anche te stessa non riesci più a muoverti.
Il buio mi blocca. La luce mi consente di muovermi. I colori mi attirano ancora. Come lo scorrere del fiume, le rondini, l'azzurro del cielo o la luna piena che illumina la notte.
Mi stupiscono le lucciole, le nuvole, l'arcobaleno...
Mi scandalizza l'ignoranza, la cattiveria, la stupidità.
Credo che la Vita abbia senso nell' Amore, nell'Amore Universale che unisce tutti gli esseri viventi.
Vorrei davvero riappropriarmi della mia vita prima di morire...

The Australasian: Siddharta, lo sperimentatore

The Australasian: Siddharta, lo sperimentatore: "Prendi un pezzo di campagna a 2 ore di strada dalla città, lì dove fattori che amano la solitudine contendono alla terra rossa e povera de..."

venerdì 13 maggio 2011

LUCCIOLE

Stasera, in anticipo rispetto al solito, nel mio giardino sono ricomparse le lucciole!

Escono caute le lucciole.
Queste piccole luci vaganti
mi fanno sognare,
come quando ero bambina,
e le mie piccole mani
chiudevano con delicatezza
quel chiarore misterioso
che, ad un tratto,
se ne volava via leggero.
E poi le notti trascorse
con le lucciole nel bicchiere
sul comodino accanto al letto:
"Lucciola lucciola vien da me
che ti do il pan del re
pan del re della regina
lucciola lucciola vien vicina!"

TI RICORDO...

Ti ricordo...
Lunghi occhi azzurri
incrociati
per un attimo
prima di andare
via.
Sì, ricordo...
Ricordo il Bene,
l'Amore,
la Tenerezza.
Sì, ricordo...
Ma senza te.

venerdì 29 aprile 2011

The Australasian: Sydney

The Australasian: Sydney: "Sydney è la prima vera città che incontro in questo viaggio. C’è il mare, che è sempre un gran dono, i palazzi con il numero di piani in d..."

The Australasian: The Australasian

The Australasian: The Australasian: "Cos’è l’Australasian ? Non è una malattia, un’epidemia contagiosa. Spero che lo sia un giorno, nel senso che mi auguro che tante altre perso..."

lunedì 25 aprile 2011

The Australasian: The Australasian eng version

The Australasian: The Australasian eng version: "What’s the Australasian ? It isn’t a disease, a contagious epidemic. I hope that it is one day, I mean, I wish a lot of other people follow ..."

martedì 19 aprile 2011

New Zealand Life: The amazing Northland

New Zealand Life: The amazing Northland: "Auckland . Walking under the sun in the fall is wonderful. The sky is clear, the temperature perfect, the parks green more than ever, in th..."

sabato 2 aprile 2011

New Zealand Life: The importance of the ending

New Zealand Life: The importance of the ending: "For a while I thought the ending of the film was all. I think of movies such as 'from dusk till dawn' with Tarantino or the 'sixth sense' i..."

mercoledì 30 marzo 2011

New Zealand Life: School of Peace

New Zealand Life: School of Peace: "The lake Wakatipu reflects the sweet curves of Glenorchy in the sunset light. I and Hanna arrive together hitchhiking from Queenstown and st..."

domenica 27 marzo 2011

New Zealand Life: I feel

New Zealand Life: I feel: "After Wanaka we have done a long race to Te Anau, crossing fast Queenstown. We have arrived in a night of rain and strong wind and the Flord..."

sabato 19 marzo 2011

New Zealand Life: the thoughts can be changed

New Zealand Life: the thoughts can be changed: "And instead it will be Karamea. The Anglican mass, the Nutella, the caves, Rongo Backpackers, zucchini, the Healphy Track, the power of the..."

New Zealand Life: The adventure begins

New Zealand Life: The adventure begins: "My adventure starting in the backpackers of Auckland, 4-beds room, Turkish dinner with Angelika, last tour in the streets of Auckland. Wake ..."

lunedì 7 marzo 2011

dal TALMUD, testo sacro dell'Ebraismo

Tenete d'occhio i vostri pensieri,
diventeranno delle parole.
Tenete d'occhio le vostre parole,
diventeranno delle azioni.
Tenete d'occhio le vostre azioni,
diventeranno delle abitudini.
Tenete d'occhio le vostre abitudini,
diventeranno il vostro carattere.
Tenete d'occhio il vostro carattere,
diventerà il vostro destino.

lunedì 14 febbraio 2011

San Valentino...

Una vecchia poesia dedicata a un Amore lontano nel tempo... Un amore vero...

Ti spio attraverso
la stretta falce
di luna
che stasera
s'intravvede
appena
tra i rami distesi
degli alberi addormentati.

Ti spio, amore.

E' così leggera la tua immagine,
così impalpabili i tuoi occhi,
la tua bocca.

Ti vedo, amore,
disteso nell'aria ferma,
sciolto nell'aria ferma,
non ti posso toccare:
ti sento solo dentro di me,
come acqua che sale...

venerdì 21 gennaio 2011

Arrivo a Auckland

Il Viaggiatore è arrivato a Auckland!!!...
Stanotte ho dormito poco per "pensare" al suo viaggio... Venezia, Dubai, Singapore, Brisbane, Auckland... Per una come me, che non ha viaggiato molto, è come sognare!!...
Mi consolo pensando che con lui se ne va in giro per il mondo una parte del mio dna, ma non solo il mio ... penso anche a mia mamma che amava tantissimo viaggiare e si riempiva la bocca con quella parola: "viaggiare"...
In effetti cos'è meglio: trascorrere una vita nei soliti luoghi, magari imprigionati nelle solite quotidianità, oppure andare a scoprire il mondo?
Abbiamo una sola vita, sembra... Alla fine un pugnetto di cenere...
Meglio forse assorbire più immagini/esperienze/emozioni possibili, condividere fino in fondo la nostra appartenenza all'Universo infinito...

mercoledì 19 gennaio 2011

Viaggiare, sì viaggiare...

E dopo la Mongolia, la Nuova Zelanda! C'è un uomo che ama le sfide, alla ricerca di se stesso... Zaino rigonfio e pesantissimo per andare lontano dalla vita di tutti i giorni, mettersi in gioco per scoprire se stessi, per sentirsi meglio lontano dai soliti pregiudizi di tutti i giorni.
Anch'io vorrei andarmene dalla mia vita immobile, vorrei provare a vivere intensamente, di emozioni, immergermi nella natura per provare il brivido dell'immortalità...
Ma per ora devo accontentarmi di osservare dalla finestra un pettirosso che saltella verso le briciole di pane...

sabato 15 gennaio 2011

Quale vecchiaia?

Non so più cosa significa diventare vecchi al giorno d'oggi. Forse vale la pena diventarlo solo se si ha il prezioso dono della salute, solo se si continua in qualche modo ad essere se stessi. E' più difficile diventarlo se si perde coscienza di sè, se non ci si può più muovere, se si deve elemosinare l'aiuto di qualcuno che, magari, non ci vuol bene. Non vale la pena invecchiare se sul nostro corpo malato ci si accanisce con i moderni mezzi terapeutici  per farci sopravvivere il più possibile.
E che dire delle Case di Riposo, ultimo passo prima della morte?
In certi casi diventare vecchi è un problema, soprattutto se si perde la propria identità, se si diventa un corpo spento che sembra non avere mai vissuto.
Se si rimane soli, senza amore, in attesa della morte...

                                   CANTICO DI UN ANZIANO
                                   
Benedetti quelli che mi guardano con simpatia.
Benedetti quelli che comprendono il mio camminare stanco.
Benedetti quelli che parlano a voce alta per minimizzare la mia sordità.
Benedetti quelli che stringono con calore le mie mani tremanti.
Benedetti quelli che si interessano della mia lontana giovinezza.
Benedetti quelli che non si stancano di ascoltare i miei discorsi già tante volte ripetuti.
Benedetti quelli che comprendono il mio bisogno di affetto.
Benedetti quelli che mi regalano frammenti del loro tempo.
Benedetti quelli che si ricordano della mia solitudine.
Benedetti quelli che mi sono vicini nella sofferenza.
Beati quelli che rallegrano gli ultimi giorni della mia vita.
Beati quelli che mi sono vicini nel momento del passaggio.
Quando entrerò nella vita senza fine mi ricorderò di loro presso il Signore Gesù.

Albinoni: Adagio in G minor

lunedì 10 gennaio 2011

Preghiera di non so chi...

Quanta miseria c'è
nell'uomo senza Dio
e quanto poco siamo, Signore:
un soffio di cenere,
piccole anime
che si trascinano
dentro un cadavere.
Ma io no!
Non mi sono rassegnato:
ancora sentirò l'odore del grano
che il mio sudore ha tagliato.
E, ad ogni mio passo,
d'inverno, raccoglierò l'elleboro
e in primavera la viola.
E il mio autunno
sarà dolce,
cadrò sì, come le foglie del faggio,
solo allora il mio sangue che gocciola
darà forza a un fiore che chiede vita.

giovedì 6 gennaio 2011

Epifania

Ricordo alcune Epifanie
della mia infanzia
bianche di neve.
La calza appesa
alla cornice del focolare
accanto al volto
di una donna in gesso.
Nella calza,
che faceva esplodere
la mia gioia,
pochi dolciumi,
i mandarini, le carrube,
le "stracaganase".
Ma il mattino di un'Epifania
il sogno s'infranse:
ero diventata grande
e la Befana era stanca.
Così, mia madre,
in quel mattino,
venne, nella penombra
della stanza, e diede
a sua figlia, attonita,
l'ultimo regalo della Befana:
un grosso libro di fiabe.

Immagini dalla prima eclissi 2011

La prima eclissi del 2011 nel mondo

La prima eclissi del 2011 nel mondo

La prima eclissi del 2011 nel mondo